Motori di ricerca e Web Mobile

di  Antonio Coschignano, sabato 30 gennaio 2010
Attualmente il numero di dispositivi mobili diffusi su scala mondiale sembra superare notevolmente il numero di PC e questo divario sembra non arrestarsi. I dispositivi mobili moderni sono tutti predisposti per l'accesso al web, e un gran numero di utenti usa il cellulare per collegarsi ad internet. Questa situazione spinge sempre di più molti webmaster a creare un sito parallelo a quello standard adatto a questo tipo di utenza. Il problema sta nel fatto che i browser di questi dispositivi non supportano tutta la tecnologia WEB 2.0 e quindi è necessario adottare una specifica inerente al Web Mobile onde evitare visualizzazioni poco gradite e di scarsa accessibilità.

I webmaster hanno dunque la possibilità di sviluppare il proprio sito con contenuti creati in due forme diverse: il normale sito web che ricorre ai linguaggi di markup tradizionali (HTML, XHTML etc..), ed una versione sviluppata invece con linguaggi adatti a contenuti visualizzabili su dispositivi mobili. Argomento di questa breve guida è quello di mostrare le fasi principali per lo sviluppo di pagine web indirizzate al Web Mobile:
  • Creare una pagina web per dispositivi mobili
  • Creare la Sitemap XML Mobile
  • Segnalazione del sito presso i motori di ricerca
Ciò vuole essere se non altro un'introduzione e un punto di partenza per chi si affaccia per la prima volta a questo vasto argomento.

Linguaggi di markup per il Web Mobile

Partiamo dalla creazione di una semplice pagina cercando di capire su quali linguaggi di markup bisogna indirizzarsi. I linguaggi per sviluppare contenuti destinati ai dispositivi mobili sono diversi. Di seguito è riportato un elenco di quelli che attualmente sono i più diffusi:
  • WML (Wireless Markup Language): è il primo linguaggio di markup usato per i dispositivi mobili
  • cHTML: Compact HTML è una versione ridotta dell'HTML che non supporta frame e tabelle
  • XHTML Basic: versione ridotta dell'XHTML creato per dispositivi con limitate capacità di elaborazione
  • XHTML Mobile Profile: è un linguaggio di marcatura quasi identico a quello Basic con un maggiore supporto ai CSS, che nelle recenti specifiche WAP è ritenuto il linguaggio ufficiale
Quale scegliere? Be, sembra che la scelta ricade in base al mercato di destinazione dei contenuti e all'area geografica, come è spiegato nella documentazione di Google Google Webmaster Center:
... WML è un vecchio standard supportato da diversi browser, molto usato in alcuni mercati. cHTML viene utilizzato principalmente in Giappone ma anche in alcune parti dell'Europa. XHTML di base e XHTML MP sono sottoinsiemi di codici HTML quasi identici, utilizzati a livello globale ma in particolar modo in Nord America e in Europa. I linguaggi XHTML sono i linguaggi di marcatura più recenti ed espressivi che vengono utilizzati con sempre maggiore frequenza. XHTML di base 1.1 e XHTML MP 1.2 sono ideali per un nuovo sviluppo, ma la scelta deve dipendere dal mercato di destinazione ...
Questo che vediamo qui sotto è un esempio di una pagina di contenuti per cellulari conforme al linguaggio di marcatura XHTML Basic:
<?xml version="1.0" encoding="utf-8" ?>
<!DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML Basic 1.0//EN"http://www.w3.org/TR/xhtml-basic/xhtml-basic10.dtd">
<html xmlns="http://www.w3.org/1999/xhtml">
  <head><meta http-equiv="Content-Type" content="application/xhtml+xml; charset=UTF-8" />
    <meta http-equiv="Cache-Control" content="no-cache" />
    <title>Titolo della pagina</title>
    <meta name="keywords" content="..." />
    <meta name="description" content="..."/>
    .....
    <style type="text/css" > <!-- CSS  --> </style>
    .....
</head>
<body>
    ....
</body>
</html>
Una volta creata una pagina di questo tipo, oppure un intero sito è possibile effettuare alcune verifiche per la correttezza strutturale e sintattica del codice direttamente online. Basta andare nella sezione Mobile del sito della W3C raggiungibile a questo indirizzo W3C mobileOK Checker (solo per pagine XHTML). Inserendo l'url della pagina viene resituito un report completo sulla correttezza o meno del codice. Un'ottima guida che analizza i linguaggi di markup in maniera approfondita (e non solo) è Mobile Web Design: lo stato del Web Mobile sul sito di HTML.it.

Sitemap XML Mobile

La Sitemap XML per cellulari estende il protocollo della Sitemap XML standard che per il momento sembra essere supportata solo da Google. Di seguito è riportato un esempio:
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<urlset xmlns="http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9"
    xmlns:mobile="http://www.google.com/schemas/sitemap-mobile/1.0">
  <url>
    <loc>http://www.example.it/</loc>
    <mobile:mobile/>
  </url>
</urlset>
Come potete verificare il protocollo è identico a quello normale, eccetto l'aggiunta dell'attributo xmlns:mobile nella dichiarazione xml e il tag <mobile:mobile/> che deve essere presente alla fine di ogni url specificato nella Sitemap Mobile. Naturalemnte è possibile aggiungere gli altri tag opzionali che indicano la priorità la frequenza e l'ultima modifica. Non è possibile inserire url che restituiscono normali contenuti web.

Segnalazione e indicizzazione

Quando si creano dei siti che forniscono gli stessi contenuti sia per desktop che per dispositivi mobile, sorge spontaneo il dubbio che ciò può apparire agli occhi dei motori di ricerca come contenuto duplicato. Invece non è così in quanto i motori di ricerca mantengono i diversi tipi di contenuti su due indici diversi. Quindi una versione mobile di un sito web non è considerato contenuto duplicato se viene creato appositamente con linguaggio di markup per cellulari come l'esempio che abbiamo visto sopra. Il meta tag essenziale che contraddistingue una normale pagina web da una per cellulari è il Content-Type che deve restituire il valore application/xhtml+xml:
<meta http-equiv="Content-Type" content="application/xhtml+xml; charset=UTF-8" />

Google Mobile

Per segnalare un sito web per cellulari a Google bisogna solo segnalare la Sitemap XML per cellulari utilizzando gli strumenti per webmaster del motore di ricerca. Non bisogna specificare nessun parametro, è necessaria la solita procedura di segnalazione che usate per una normale Sitemap XML. Google verificherà automaticamente il tipo di Sitemap una volta che viene scansionata. Lo spider di Google che scansiona questo tipo di contenuti è:
Googlebot-Mobile/2.1

Yahoo Mobile

Per quanto riguarda Yahoo il discorso è leggermente diverso. Possiamo scegliere se segnalare l'url principale del sito mobile oppure segnalare la sitemap XML in diversi formati, specificando in entrambi i casi il linguaggio di marcatura utilizzato per le singole pagine. Il link alla pagina è Submit Your Mobile Site. Bisogna naturalmente possedere un account Yahoo. La stringa dello spider di Yahoo che effettua la scansione è:
YahooSeeker/M1A1-R2D2
Per quanto riguarda il motore di ricerca Bing non ho avuto modo di verificare come gestisce i contentuti mobile, in quanto nei tools per webmasters non sono presenti informazioni specifiche.

Motori di ricerca per contenuti mobili

Google, Yahoo e Bing (MSN) hanno ormai da tempo una casella di ricerca per questa tipologia di contenuti. Ognuno di essi comuqnue ha un porprio meccanismo di indicizzare e mostrare i risultati. Ad esempio per una query di ricerca non tutti i risultati sono pagine di siti per cellulari. I risultati a volte sono fusi insieme ai contenuti standard. I criteri con cui vengono mostrate le SERP sono diversi per ciascun motore di ricerca. Questi sono gli indirizzi delle tre caselle di ricerca versione Mobile: Google Mobile, Yahoo Mobile, Bing Mobile
Altri link che potrebbero interessarti
  • » Strumenti per l'indicizzazione
  • » Segnalare un sito ai motori di ricerca
  • » Guida Simple Sitemap Generator
  • » Guida alla Sitemap XML
  • » Album fotografico dei siti web