Pubblicare applicazioni nell'Android Market

di  Antonio Coschignano, giovedě 08 marzo 2012

L'Android Market è la directory ufficiale di Google dove distribuire le proprie applicazioni Android e dove un qualsiasi utente dotato di un Google Account può scaricare sul proprio dispositivo. E' possibile distribuire applicazioni sia gratuite o a pagamento. In questa breve guida vedremo come registrarsi, pubblicare e aggiornare le proprie applicazioni nell'Android Market. In poche parole racconteremo la 'storia' di un'applicazione Android a partire dall'APK generato dal plugin di Elipse per finire con la pubblicazione nell'Android Market e come effettuare i possibili aggiornamenti.

Registrazione

Per poter pubblicare applicazioni nell'Android Market bisogna registrarsi tramite il proprio Google Account e versare la cifra di 25 dollari. Per iniziare bisogna andare al seguente url https://market.android.com/publish. Se siete loggati con il vostro Google Account sarete indirizzati a questa pagina:

Registrazione Android Market

Tutti i campi che vedete nell'immagine sono obbligatori. Il campo nome utente sarà visualizzato sotto il nome dell'applicazione nell'Android Market. Adesso, cliccando su Continua sarete reinderizzati alla pagina per accettare i termini di servizi. Fatto questo si procede con il pagamento tramite Google Checkout:

Registrazione Android Market Google Checkout

Una volta effettuato il pagamento entro un paio di giorni riceverete una email che indica che l' account Android Market è stato attivato. Quindi da adesso avrete accesso alla vostra console come sviluppatore raggiungibile all'indirizzo Console per lo sviluppatore.

Firmare l'APK

Adesso possiamo percorrere la 'storia' della nostra applicazione. Il file apk che viene generato nella cartella /bin/ del progetto, non può essere pubblicato così com'è, bisogna invece firmarla (come succede un po con le Applet oppure come i progetti Java ME) tramite un nostro certificato. Come creare questo certificato esula dallo scopo di questo articolo, ma posso segnalarvi Signing Your Applications che è la guida ufficiale di Google Android. Una volta creato il certificato possiamo firmare l'applicazione tramite una funzionalità che l'ADT di Eclipse ci mette a disposizione.

Firmare Apk Android Market

Cliccate con il tasto destro sul progetto e selezionate Android Tools -> Export Signed Application Package come nell'immagine sopra. Si aprirà la finestra per selezionare il progetto che si vuole firmare. Dopo aver selezionato il progetto clicchiamo su Next. Adesso non ci resta che caricare il keystore che disponiamo e andiamo avanti. Alla schermata successiva bisogna selezionare l'alias che abbiamo definito nella creazione del keystore.

Firmare Apk Android Market

Questa procedura si conclude selezionando la cartella dove si vuole salvare l'APK firmato e dopo pochi secondi la finestra si chiudi e la procedura è completata.

Pubblicazione

Per la pubblicazione dell'applicazione bisogna munirsi di:

  • Un file APK firmato
  • Almeno due screenschot dell'applicazione dal formato 320 x 480, 480 x 800, 480 x 854, 1280 x 720, 1280 x 800 PNG o JPEG a 24 bit (senza alpha). Come effettuare gli screenschot potete leggere una mini guida sul nostro sito : Screenshot su un dispositivo Android
  • Icona applicazione ad alta risoluzione 512 x 512, PNG o JPEG a 32 bit, Massimo: 1024 kB
  • Immagine funzione: 1024 x 500 PNG o JPEG 24 bit (non alpha) Le dimensioni verranno ridotte al formato mini o micro
  • Una descrizione dell'applicazione in una o più lingue diverse

Quindi come dall'immagine sotto, potete avviare la procedura di pubblicazione.

Caricare Apk Android Market

La prima operazione che ci viene richiesta è quella di caricare il nostro APK che abbiamo firmato.

Caricare Apk Android Market

Fatto questo non ci rimane cha caricare tutto il materiale che abbiamo a disposizione. L'interfaccia web è molto intuitiva nella compilazione dei form. Un ulteriore approfondimento dobbiamo farlo per le opzioni che si trovano nella seconda parte del modulo (come in figura):

Opzioni Android Market

Qui vengono richieste delle opzioni molto importanti come la scelta tra applicazione gratis o a pagamento. Quando si pubblica un applicazione e si sceglie l'opzione gratis, l'applicazione non può più essere a pagamento. Di solito si fa un'applicazione parallela (le versioni pro o ultra) e la si pubblica a pagamento. Mentre come vedete da figura c'è un altra opzione che riguarda la protezione dell'applicazione. L'attivazione della protezione che impedisce la copia sull'sdcard è deprecata, al posto suo si preferisce utilizzare la libreria per la firma con la propria licenza.

Applicazioni a pagamento

Se hai intenzione di pubblicare applicazioni a pagamento è necessario registrarti come commerciante di Google Checkout. Per farlo dovrai andare nella 'Console dello sviluppatore' e selezionare 'Modifica Profilo' e poi selezionare l'opzione 'Imposta un account commerciante su Google Checkout'. Da qui verrai indirizzato alla pagina di Google Checkout dove potrai concludere la registrazione. Dovrai fornire alcune informazioni sulla tua attività commerciale. Per le commissioni sulle vendite Google trattiene il 30% su ogni vendita di una applicazione.

Classificazione dei contenuti

Altra caratteristica fondamentale è la classificazione dei contenuti. Qui bisogna selezionare la maturità di una applicazione. Questo per una classificazione che l'Android Market applica a tutte le nostre applicazioni, cosi da poter inserire dei filtri in base al tipo di utente che accede al market (età, sesso etc..) Per maggiori informazione su come classificare la propia applicazione leggere con attenzione la pagina ufficiale di Google che ti giuderà nella scelta : http://support.google.com/androidmarket/developer/support/bin/answer.py?hl=it&answer=188189

Aggiornamento

Per effettuare l'aggiornamento di una applicazione - oltre alle modifiche che si effettuano - bisogna ogni volta incrementare un valore che si trova nell' AndroidManifest.xml e che indica la versione del codice. Ad ogni aggiornamento questo valore va incrementato altrimenti è impossibile effettuare l'aggiornamento, cioè la console non ce lo permette. Infatti nell'AndroidManifest.xml ci sono due valori che possiamo modificare per l'aggiornamento:

<manifest xmlns:android="http://schemas.android.com/apk/res/android"
	package="xxx.xxxxxx" android:versionCode="1" android:versionName="1.0">

Il versioneCode deve va cambiato obbligatoriamente ad ogni aggiornamento ed deve essere sempre maggiore di quello precedente, mentre la versionName può assumere un valore qualsiasi. Per l'aggiornamento possiamo inoltre:

  • inserire/cambiare gli screenschots dell'applicazione
  • modificare le descrizioni dell'applicazione nelle diverse lingue
  • inserire le modifiche recenti (vedi sotto descrizione)
  • cambiare il prezzo dell'applicazioni a pagamento oppure decidere un prezzo per ogni nazione
  • ...

Queste operazioni sono le più importanti, ma ne esistono tante altre. Vi invito ad approfondire l'argomento nella guida ufficiale di google https://support.google.com/androidmarket/developer/?hl=it

Abbiamo fatto una panoramica veloce però che tocca alcuni nodi fondamentali nella pubblicazione. Il market è sempre in evoluzione e vengono aggiunte continuamente delle nuove regole e funzioni molto utili allo sviluppatore. Vi invito come al solito di tenervi aggiornati visitando il blog ufficiale di Google Android a questo indirizzo http://android-developers.blogspot.com/?hl=en

Altri link che potrebbero interessarti
  • » Struttura di un'applicazione Android
  • » Screenshot su un dispositivo Android
  • » Integrare Google Analytics nelle applicazioni Android
  • » Integrare AdMob nelle applicazioni Android
  • » Guida all'installazione dell'Android SDK
  • » Guida agli Adapter e le ListView in Android
  • » Gestire Thread e GUI nelle applicazioni Android
  • » Applicazioni Android ed il supporto multilingue
  • » Android VideoView e le Youtube Api
  • » Android Linkify e i collegamenti testuali
  • » Android HTML TextView
  • » Android e tecniche multithreading
  • » Android e la gestione dei sensori
  • » Android e l'interfaccia Parcelable